nav-left cat-right
cat-right

La Camomilla come leggero sedativo e rilassante muscolare

La pianta ha un portamento cespitoso, con più fusti che partono dalla base, più o meno ramificati nella porzione superiore. L’altezza non supera in genere i 50 cm nelle forme spontanee, mentre nelle varietà coltivate può arrivare agli 80 cm. La pianta è spiccatamente aromatica. Le foglie sono alterne e sessili, oblunghe. La lamina è bipennatosetta o tripennatosetta, con lacinie lineari molto strette. I fiori sono riuniti in capolini con ricettacolo conico e cavo. I fiori esterni hanno la ligula bianca, quelli interni sono tubulosi con corolla gialla. I capolini di diametro di 1-2 cm, sono riuniti in cime corimbose. Il frutto è un achenio di circa 1 mm di lunghezza, di colore chiaro, privo di pappo.

Di questa pianta vengono in genere raccolti i fiori, preferibilmente dopo aver perso i petali ma prima di essersi essiccati sulla pianta stessa. Una comune metodologia di raccolta consiste nel far passare fra le dita gli steli della pianta in maniera tale da raccogliere solamente i fiori, evitando una lunga fase di pulitura.

Gli infusi di fiori di notoriamente vengono utilizzati per i loro effetti blandamente sedativi, un suo prolungato uso può portare però l’organismo ad una reazione opposta: è infatti noto che molte persone, che hanno ecceduto nell’assunzione di infusi o decotti di , non riscontrino più effetti sedativi, bensì tonico-eccitanti. Inoltre, se lasciata per troppo tempo in infusione, l’effetto della non è più calmante ma eccitante. Questo perché vi è presente una piccola quantità di caffeina.

Le tisane ottenute con questa pianta inoltre provocano l’espulsione di gas intestinali in eccesso. Sono infine note le proprietà nutrizionali della rispetto ai capelli e rispetto al cuoio capelluto; si utilizza anche per schiarire i capelli biondi che con il tempo tendono al castano: per questi scopi si deve preparare un infuso di fiori di , lasciarlo raffreddare, filtrarlo e poi utilizzarlo regolarmente dopo lo shampoo.

La è dotata di buone proprità anti-infiammatorie, locali ed interne. Questo grazie a certi componenti dell’olio essenziale (alfa-bisabololo, guaiazulene, camazulene e farnesene), ad una componente flavonoide (soprattutto apigenina, quercetina, apiina e luteolina) ed ai lattoni matricina e des-acetil-matricarina. Il suo potere antiflogistico a parità di principio attivo (in peso) è stato comparato a quello del cortisone. Altri flavonoidi presenti (eupatuletina, quercimetrina) e le cumarine sono responsabili delle proprietà digestive e spasmolitiche. Queste combinazioni di principi attivi ne fanno un buon risolvente nella dismenorrea, nei crampi intestinali dei soggetti nervosi, negli spasmi muscolari e nei reumatismi.

Nella medicina omeopatica, oltre alle indicazioni già elencate, la viene consigliata per i problemi associati alla dentizione, alla sindrome premestruale ed a varie malattie infantili come otiti, coliche e a numerosi problemi comportamentali.

In uso interno (tisane)
Problemi digestivi (ulcere, acidità, nausee e vomitamenti, gastroenterite, coliche del neonato…), raffreddamenti, disturbi del sonno (leggero sonnifero), nervosità (leggero calmante), crampi mestruali, febbre da fieno, allergie.

In uso esterno (bagno, oli essenziali, pomate, compresse)
Eczema, pelle secca, psoriasi, lavaggi e disinfezione della bocca e delle ferite, occhi rossi, certi tipi di congiuntiviti, piaghe (per favorire la cicatrizzazione), emorroidi, cure del viso, per schiarire i capelli neri (vedi rimedio : decotto di ).

Una ricerca effettuata dall’Imperial College di Londra e pubblicata sul “Journal of Agricultural and Food Chemistry” ha infatti dimostrato che cinque tazze di al giorno, assunte per due settimane, servono ad alleviare spasmi muscolari ed infiammazioni. Lo studio, che ha coinvolto 14 volontari, ha evidenziato l’aumento nell’organismo di due sostanze come l’ippurato e la glicina, capaci rispettivamente di effetti antinfiammatori e di indurre rilassamento muscolare, come nel caso degli spasmi muscolari e i crampi mestruali. Oltre alle già conosciute qualità di rilassante e sedativo “leggero”, la sembra quindi possedere nuovi benefici effetti per l’organismo e, se questi non bastassero, i ricercatori assicurano che può anche agire da antiossidante. Come ogni rimedio naturale però, anche l’uso della deve essere regolato in base a possibili allergie, sono infatti note in alcuni soggetti le reazioni allergiche all’ambrosia.

I NOSTRI PRODOTTI CON LA

TISANA DI CAMOMILLA

INFUSO DI CAMOMILLA

SACCHETTO PROFUMATO ALLA CAMOMILLA

CUSCINO ANTISTRESS ALLA CAMOMILLA

DECOTTO DI CAMOMILLA

Tags: , , , , , , , ,

Da leggere:

Nessun commento

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Al momento l’inserimento di commenti non è consentito.